http://simri.it/
2020 28 FEB
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

L’ecografia polmonare come una nuova modalità diagnostica nella tachipnea persistente dell'infanzia.

La tachipnea persistente dell'infanzia (PTI) è tra le più diffuse malattie polmonari interstiziali croniche (ILD) nell'infanzia. L’ecografia polmonare potrebbe in quest’ambito costituire uno strumento diagnostico interessante.

L'ecografia polmonare (LUS) è una metodica sempre più utilizzata nella diagnosi e nel monitoraggio di varie malattie polmonari nei bambini. Lo scopo di questo studio era di valutare la sua utilità nei bambini con tachipnea persistente dell'infanzia (PTI). Studio controllato, prospettico e trasversale che includeva bambini con PTI e soggetti sani. Nei pazienti con PTI, la LUS è stata eseguita al basale e successivamente dopo 6 e 12 mesi di follow-up. I risultati LUS al basale sono stati confrontati con (a) immagini di tomografia computerizzata ad alta risoluzione (HRCT) al basale, (b) esami LUS nel gruppo di controllo e (c) esami LUS di follow-up. Venti bambini con PTI sono stati arruolati. Le linee B sono state trovate in tutti i bambini con PTI e in 11 (55%) controlli (P <.001). Il numero totale di linee B, il numero massimo di linee B in qualsiasi spazio intercostale, la distanza tra le linee B e lo spessore pleurico erano significativamente aumentati nei bambini con PTI rispetto ai controlli. Irregolarità della linea pleurica sono state riscontrate in tutti i pazienti con PTI e in nessuno dei bambini sani. LUS sembra essere uno strumento diagnostico promettente nei bambini con PTI. La sua inclusione nel percorso diagnostico può consentire di ridurre il numero di procedure di imaging basate su radiazioni ionizzanti, costose e pericolose.

Fonte:
Urbankowska E, Urbankowski T, Drobczyński Ł, Griese M, Lange J, Brzewski M, Kulus M, Krenke K. Lung ultrasound-a new diagnostic modality in persistent tachypnea of infancy. Pediatr Pulmonol. 2020 Jan 24. doi: 10.1002/ppul.24654.

Articolo a cura di Alessandro Volpini