http://simri.it/
2015 31 AGO
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico - Famiglia

La telemedicina: uno strumento che può modificare le cure pediatriche

La telemedicina è una tecnologia di telecomunicazione usata in ambito sanitario sempre più frequentemente, definita dall' FDA (Food and Drug Administration) come l'offerta di cure e consulenze sanitarie al paziente mediante la trasmissione a distanza di informazioni cliniche utili per prevenzione, diagnosi, terapia, consulenza, follow-up, monitoraggio, riabilitazione ed educazione. 

Il 1 luglio scorso l'American Academy of Pediatrics (AAP) ha pubblicato un articolo di “Policy Statement” per la promozione della Salute dei Bambini in cui il gruppo di lavoro dei Pediatri coinvolti affermano che la telemedicina è una tecnologia capace di modificare le pratiche cliniche pediatriche e che può avere un impatto positivo sull'accesso, la qualità, l'educazione ed i costi sanitari.

Secondo gli autori la telemedicina può migliorare la qualità della vita dei pazienti cronici che necessitano di frequenti controlli e modifiche terapeutiche. Nei pazienti con condizioni cliniche complesse può costituire una piattaforma virtuale in cui le condizioni cliniche del paziente vengono condivise tra le varie figure professionali che collaborano alla cura del paziente migliorando gli standard di assistenza ed accrescendo la professionalità dei sanitari. Tale tecnologia può rendere le cure sanitarie più accessibili per tutti, contribuendo ad aumentare il livello di cure per pazienti che vivono in contesti con difficile accesso a cure specialistiche, riducendo inoltre i costi di spostamenti per le famiglie. Può inoltre essere usata per la formazione sanitaria a distanza ed agevolare il confronto multidisciplinare tra i professionisti.

Di contro, la telemedicina usata in maniera episodica fuori da una percorso ben costruito può generare frammentazione dell'assistenza medica e presentare un rischio per la salute, essa va quindi sempre gestita dal pediatra curante o dal clinico che gestisce il paziente. L'utilizzo di tale strumento viene fortemente incoraggiato degli esperti che però sottolineano la necessità di investire in tale tecnologia per la formazione, la ricerca e la regolamentazione normativa ed assicurativa.

Burke LB, Hall RW. Telemedicine:Pediatric Applications. Pediatrics 2015;136:e293-308.

Articolo a cura di Valeria Caldarelli