http://simri.it/
2015 30 SET
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Medico - Famiglia

Presentata la legge che aumenta la protezione dei minori dal fumo di Tabacco

La SIMRI accoglie con soddisfazione le bozza di stop al fumo in auto con minori e donne incinte.

 

I fumatori nel nostro paese sono il 22% della popolazione che consuma, in media/pro capite, 12,7 sigarette al giorno, per un totale di circa 75 milioni di tonnellate di tabacco per anno (nel 2013). Il Ministro Lorenzin ha presentato la bozza del decreto legge che recepisce la  "direttiva tabacco" europea  2014/40/UE che diventerà attuativa sul territorio nazionale nei prossimi tre mesi.   Le novità più evidenti, oltre alle crude immagini a colori sui pacchetti di sigarette delle gravi malattie prodotte dal fumo di tabacco che occuperanno il 65% del fronte e del retro delle confezioni, saranno i divieti di fumo in automobile, alla presenza di minori o donne incinte ed anche nelle pertinenze sterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia.  Sono previste sanzioni pesantissime, fino alla sospensione della licenza, per chi vende prodotti da tabacco ai minori, oltre che la scomparsa delle confezioni da 10 sigarette e dei sacchetti di tabacco con peso inferiore ai 30 grammi, perché sono  più appetibili per i giovani grazie al costo ridotto.  Le sigarette elettroniche contenenti nicotina, oltre ad essere vietate ai minori, dovranno comunque essere dotate di requisiti di sicurezza come chiusure a prova di bambino, per limitare il rischio di ingestione.Sarà vietata la vendita on-line dall'estero di prodotti del tabacco e delle sigarette elettroniche perchè tale  tipologia di vendita non consente di verificare con assoluta certezza l’età dell’acquirente ed anche i distributori automatici saranno verificati, sia al momento dell’installazione che con cadenza annuale, al fine di controllare il corretto funzionamento dei sistemi automatici di rilevamento dell’età dell’acquirente. Gran parte della opinione pubblica attendeva questa legge che finalmente, a completamento della precedente normativa del 2013 in cui si estendeva la legge antifumo ai luoghi di pertinenza scolastica, imprime alla norma un chiaro significato di difesa dei minori dal consumo dei prodotti del tabacco e dalla esposizione passiva ai loro inquinanti ambientali.

FONTE: http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato4814665.pdf

Articolo a cura di Giovanni Ciccarone