http://simri.it/
2015 07 SET
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo:
Area di interesse: Medico

Le riacutizzazioni asmatiche: scarso utilizzo delle linee guida

Evidenze da uno studio multicentrico americano realizzato su pazienti ricoverati in terapia intensiva per riacutizzazione asmatiforme.

L’asma in età pediatrica rimane una sfida medica importante per la sua prevalenza crescente, per il significativo impatto sulla spesa sanitaria e sulla qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie. I bambini che richiedono di essere ospedalizzati, soprattutto se in un reparto di terapia intensiva (TI), devono essere considerati una categoria a maggior rischio che necessita di particolare attenzione medica. 

I principali obiettivi di questo studio erano: 1) valutare le caratteristiche dei pazienti asmatici che hanno necessitato di ricovero in TI e 2) analizzare la frequenza di prescrizioni terapeutiche prima e dopo il ricovero, in accordo con le raccomandazioni internazionali per la corretta gestione dell’asma. 

Sono stati rivalutate le cartelle cliniche di 385 pazienti pediatrici (età mediana 5 anni) ricoverati per asma dal 2012-2013 presso 14 ospedali americani. 130 (34%) di questi bambini hanno necessitato di essere ricoverati presso la TI. Tra quest’ultimi solo il 65% assumeva terapia steroidea inalatoria al momento del ricovero ed un numero assai ridotto (19%) era stato sottoposto ad una visita da parte di un specialista pneumologo nella sua vita. Inoltre pochissimi pazienti (5%) erano stati studiati dal punto di vista allergologico. 

Analizzando i dati successivi alla dimissione dalla TI, la situazione non sembrava essere molto diversa. Tra i pazienti infatti che precedentemente non assumevano terapia di fondo, solo a 35 (85%) è stata prescritta la terapia steroidea inalatoria ed a pochi più della metà (60%) è stata consigliata una visita specialistica per il follow-up. 

Questo studio multicentrico americano, per quanto presenti evidenti limiti (ben sottolineati dagli autori), suggerisce che l’impegno delle comunità scientifiche, come la SIMRI in Italia, volto al miglioramento della gestione dei pazienti asmatici, deve proseguire con altrettanta costanza nei prossimi anni, con particolare attenzione ai bambini a maggior rischio di riacutizzazioni gravi. 

Fonte:  
Hasegawa K, Ahn J, Brown MA et al. Underuse of guideline-recommended long-termasthma management in childrenhospitalized to the intensive care unit: a multicenterobservationalstudy. AnnAllergyAsthmaImmunol. 2015 Jul;115(1):10-16.

Articolo a cura di Nicola Ullmann