http://simri.it/
2016 18 GEN
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo:
Area di interesse: Medico

E’ possibile prevedere l’asma? Ancora incertezze dall'analisi di modelli previsionali a confronto.

L’identificazione precoce di bambini a rischio di asma è importante per migliorare la qualità della vita. E’ necessario disporre di un modello di previsione efficace capace di identificare correttamente i bambini che svilupperanno l'asma e di escludere l'asma nei bambini con sintomi di wheezing transitorio.

Nella pratica clinica esiste un modello previsionale per l'identificazione precoce di bambini a rischio di sviluppare l'asma in età scolare? Per rispondere a questa domanda così importante un gruppo di Ricercatori ha appena pubblicato su Lancet Respir Med 2015 una revisione sistematica che mette a confronto tutti i modelli previsionali esistenti utilizzati per identificare i bambini in età prescolare con sintomi simil-asma a rischio di sviluppare l'asma successivamente in età scolare.

Nell’analisi sono stati inclusi gli studi che hanno sviluppato un nuovo modello di previsione o aggiornato un modello esistente in bambini in età scolare 4 anni o più giovani con sintomi simil-asma, e successiva la valutazione dell’asma tra i 6 ei 12 anni di età.

Dall’analisi dei 12 modelli di previsione sono stati identificati quattro tipi di coorti di bambini in età prescolare: quelli con le visite di assistenza sanitaria; quelli con sintomi segnalati dal genitore; quelli ad alto rischio di asma; quelli della popolazione generale. Nel dettaglio quattro modelli utilizzano utilizzando predittori non invasivi e semplici predittori, come la storia familiare, la comorbidità di malattia allergica o precursori di asma, e la gravità dei sintomi iniziali; al contrario i restanti otto modelli estesi includono ulteriori test clinici, per lo più la determinazione delle IgE specifiche.

Gli Autori concludono che ad oggi non esiste un unico modello previsionale comprendente entrambi gli aspetti e ciò suggerisce che vi è una grande percentuale di bambini in età prescolare con wheeze per i quali è a tutt’oggi ancora difficile prevedere lo sviluppo asma.

Fonte:
Smith HA, et al.  Childhood asthma prediction models: a systematic review. Lancet Respir Med 2015; 3: 973–84.

Articolo a cura di Stefania La Grutta