http://simri.it/
2016 15 FEB
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Medico

Vitamina D in gravidanza e rischio di wheezing nella prole

La Vitamina D e le sue funzioni continuano ad essere al centro del dibattito scientifico soprattutto per il suo ruolo di prevenzione di numerose malattie

La Vitamina D continua ad essere al centro del dibattito scientifico soprattutto per quanto riguarda la prevenzione di svariate malattie: a questo proposito vi segnaliamo la pubblicazione su JAMA di gennaio di uno studio volto a valutare il ruolo della supplementazione della vitamina D in gravidanza nella prevenzione del wheezing persistente nei primi 3 anni di vita della prole.

Un gruppo di ricercatori danesi ha condotto un trial clinico in doppio cieco randomizzato su 623 donne in gravidanza, arruolate dal 2009 al 2014: alle future mamme sono state somministrate, oltre alla dose standard di 400 unità di vitamina D previste dalle linee guida danesi, 2400 unità di vitamina D al giorno dalla 24a settimana di gestazione fino alla prima settimana dopo il parto (n= 315)  oppure un placebo (n= 308). Il follow up della prole (n= 581) ha previsto numerose visite eseguite a 7 giorni dalla nascita e poi a 1, 3, 6, 12, 18, 23, 30 e 36 mesi di vita per valutare i sintomi respiratori e in particolare la presenza di wheezing persistente, inteso come la presenza di: a) almeno 5 episodi di wheezing negli ultimi 6 mesi, b) sintomi riferibili all'asma quali dispnea da sforzo, tosse notturna persistente, tosse per lungi periodi, c) ricorso frequente ai broncodilatatori, d) risposta a un trattamento di almeno 3 mesi con steroidi per via inalatoria con ripresa dei sintomi alla sospensione.

L'analisi dei dati dimostra che la supplementazione di vitamina D nel terzo trimestre di gravidanza non risulta statisticamente associata a una riduzione del rischio di wheezing persistente nei primi 3 anni di vita della prole: tale condizione è stata, infatti, diagnosticata in 47 bambini del gruppo trattato con vitamina D (16%) e in 57 bambini del gruppo controllo (20%). Tuttavia, gli Autori segnalano che la supplementazione con vitamina D in gravidanza sembra contribuire alla riduzione dei sintomi respiratori gravi e a migliorare il profilo immunologico dei neonati.

FONTE:
Chawes BL et al. Effect of Vitamin D3 Supplementation During Pregnancy on Risk of Persistent Wheeze in the Offspring - A Randomized Clinical Trial. JAMA. 2016 Jan 26; 315(4): 353-61

Articolo a cura di Maria Elisa Di Cicco