http://simri.it/
2016 14 MAR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Medico - Famiglia

Wheezing: quali fattori intervengono nell’epoca di comparsa del primo episodio?

Le infezioni delle alte vie aeree nei primi tre mesi di vita sono i fattori che accelerano la comparsa del primo wheezing.

Il wheezing nei primi mesi di vita rappresenta una condizione morbosa molto frequente in tutto il mondo. Il sesso maschile, la familiarità per asma, le infezioni respiratorie e l’esposizione a fumo passivo in epoca perinatale sono fattori di rischio ormai riconosciuti per la sua comparsa nei primi anni di vita. Uno studio  recentemente condotto in Europa ed America Latina ha analizzato quali fattori accelerano o ritardano la comparsa del wheezing nei primi due anni di vita. Il principale fattore che accelera la comparsa del respiro sibilante è rappresentato dalle infezioni delle alte vie aeree nei primi tre mesi di vita. Un altro fattore capace di accelerare la comparsa del primo episodio di wheezing, anche se solo in Europa, è rappresentato dall’eczema. L’allattamento al seno per almeno tre mesi sembra invece agire da fattore protettivo, ritardando la comparsa del respiro sibilante; tale osservazione, tuttavia, è limitata ai Paesi dell’America Latina e non viene registrata in Europa. I motivi alla base di tali differenze sono da chiarire e nuovi studi di coorte saranno utili in tal senso. Resta comunque l’indicazione a prevenire le infezioni delle alte vie aeree nei primi mesi di vita, evitando il contatto con persone infette e la frequentazione di luoghi chiusi ed affollati, laddove maggiore è il rischio di essere contagiati. Persiste inoltre la raccomandazione dell’allattamento al seno che riduce il rischio e la gravità delle infezioni delle prime vie respiratorie nei lattanti.

FONTE:
Pacheco-Gonzalez RM, et al. Factors associated with the time to the first wheezing episode in infants: a cross-sectional study from the International Study of Wheezing in Infants (EISL). NPJ Prim Care Respir Med. 2016 Jan 21;26:15077. 

Articolo a cura di Giuliana Ferrante