http://simri.it/
2016 11 APR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Medico - Famiglia

Mamma per favore smetti di fumare?

Lo scorso mese è stata pubblicata una Review a proposito dell’esposizione al fumo  di sigaretta e lo sviluppo polmonare in età pediatrica. L’articolo che presentiamo prende in considerazione il pericoloso legame con l’asma e il rischio di riasercabazioni. Questi continui dati che la letteratura ci fornisce devono stimolarci non solo ad informare le persone ma a  promuovere continuamente la lotta al fumo.

I dati presentati sono stati raccolti dal Texas Children’s Health Plan attraverso questionari specifici, dati sul consumo di farmaci e accessi a visite di Pronto Soccorso per riacutizzazioni d’asma, nell’anno successivo all’inclusione nello studio e riguardano circa 20000 bambini di età inferiore a 18 anni (età media 5,7 anni).

Il primo dato da sottolineare è che nel 14% delle famiglie è presente almeno un fumatore, ma ancora più importante è sottolineare come nel 6% delle famiglie sia la madre a fumare. Quali conseguenze comportano questi numeri?

Innanzitutto nei pazienti esposti a fumo passivo, qualora sia la madre a fumare, il consumo di broncodilatatori short-acting è aumentato; indicazione indiretta del peggior controllo della sintomatologia in questi bambini. Analogamente è emerso un  rischio maggiore per accessi in pronto soccorso per riacutizzazione asmatica; anche se, in questo caso, i dati sono influenzati dai diversi profili assicurativi e quindi costi legati all’accesso alle strutture ospedaliere (aspetto critico del sistema sanitario americano).

Tali dati non si sono confermati qualora fosse il padre o un altro familiare a stretto contatto coi bambini a fumare  sigarette. Questo potrebbe essere dovuto al maggior contatto che solitamente le madri hanno coi figli ma allo stesso tempo potrebbe essere una prova indiretta sugli effetti del fumo in gravidanza, già emersi da altri studi.

E’ importante quindi promuovere la salute della madre e del bambino attraverso programmi che incentivino e supportino l’intento di smettere di fumare prima ancora della gravidanza.

Fonte:
Harold J. Farber et al. The Impact of Tobacco Smoke Exposure on Childhood Asthma in a Medicaid Managed Care Plan. CHEST 2016; 149(3):721-728

 

Articolo a cura di Michele Ghezzi