http://simri.it/
2016 05 AGO
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Medico - Famiglia

Riscaldamento globale e infezioni respiratorie

Il riscaldamento globale provoca effetti importanti sull'epidemiologia e la severità delle infezioni respiratorie 

Il riscaldamento globale desta forte preoccupazione in tutto il mondo principalmente per il progressivo scioglimento dei ghiacci che comporta, insieme al conseguente innalzamento del livello dei mari e all'incremento della frequenza di eventi metereologici estremi.

Ricercatori dell'Università di Miami hanno appena pubblicato una revisione sugli effetti del riscaldamento globale sulle infezioni respiratorie: i cambiamenti climatici, infatti, possono facilitare la diffusione dei vettori di alcuni patogeni e dei patogeni stessi, aumentando il rischio di contrarre molte malattie infettive, che una volta erano appannaggio esclusivo dei climi tropicali. Nella revisione, ad esempio, vengono citati il recente caso di infezione polmonare da Yersinia pestis in Colorado, e il sensibile aumento dell’incidenza di dengue, febbre del Nilo occidentale e chikungunya nel mondo occidentale (queste ultime a causa dell'espansione delle zanzare). Per quanto riguarda i virus respiratori comuni, se da un lato gli inverni più caldi implicano una riduzione della durata della stagione del VRS, dall’altro facilitano il realizzarsi di stagioni influenzali caratterizzate da particolare gravità. Il riscaldamento globale favorisce anche la diffusione delle infezioni fungine per l’inalazione di particelle di terreno arido (vedasi l’epidemia di coccidioidomicosi in California) o per l'aspirazione di liquidi contaminati con il terreno durante le inondazoni (ad esempio i casi di aspergillosi disseminata nei sopravvissuti allo tsnumani in Giappone).

Infine, non bisogna dimenticare che i bambini sono più vulnerabili alle oscillazioni della temperatura: uno studio australiano ha infatti dimostrato che bruschi cambiamenti di temperatura da un giorno ad un altro aumentano l’incidenza della polmonite in età pediatrica.

FONTE: Mirsaeidi M ET AL. Climate Change and Respiratory Infectsions. Ann Am Thorac Soc. 2016 Jun 14. [Epub ahead of print]

 

Articolo a cura di Maria Elisa Di Cicco