http://simri.it/
2017 19 GEN
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo:
Area di interesse: Medico

Biologia dei sistemi e medicina di precisione: un approccio innovativo nello studio delle malattie allergiche

Il progetto MeDALL getta le basi per una più profonda comprensione dei meccanismi alla base delle malattie allergiche

Il Progetto MeDALL (Mechanisms of the Development of ALLergy) si pone l’obiettivo di aumentare le conoscenze dei complessi meccanismi che legano le malattie allergiche sul piano clinico e fisiopatologico in età evolutiva. Il progetto, conclusosi nel Maggio 2015, ha utilizzato dati epidemiologici, clinici e di ricerca di base ottenuti a partire da 14 coorti di nascita, proponendo un approccio innovativo per la ricerca di indicatori precoci utili a fini diagnostici, terapeutici e di prevenzione in ambito allergologico. I dati clinici sono stati combinati con dati ambientali, dati derivati dall’applicazione della biologia dei sistemi (“omics”, misurazione di IgE mediante tecnica microarray) e da studi sperimentali su modelli animali e umani.   Di seguito vengono elencati i risultati più rilevanti:

- la multimorbidità allergica nello stesso bambino è più frequente di quanto atteso in base al caso, ad indicare che le malattie allergiche condividono meccanismi causali indipendenti dalla sensibilizzazione allergica;

- la multimorbidità allergica e la polisensibilizzazione sono spesso associate con la persistenza e/o la gravità delle malattie allergiche;

- le esposizioni ambientali sono rilevanti nello sviluppo delle malattie allergiche IgE mediate.

Tali risultati hanno portato alla definizione di una nuova classificazione delle malattie allergiche IgE mediate che potrebbe approfondire la comprensione dei meccanismi genetici ed epigenetici alla base delle allergie, contribuendo a migliorarne la gestione clinica.

Fonte: Bousquet J, et al. Paving the way of systems biology and precision medicine in allergic disease: the MeDALL success story. Allergy. 2016;71:1513-1525.

Articolo a cura di Giuliana Ferrante