http://simri.it/
2017 25 APR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

Lung attacks nei bambini con asma severa: anche i mastociti giocano la loro parte

Negli ultimi anni anche per la patologia asmatica si è iniziato a parlare dei cosiddetti “lung attacks”, una definizione solitamente utilizzata per la fibrosi cistica per descrivere le riacutizzazioni polmonari e che ad oggi è utilizzata spesso come clinical end point di molti trial clinici.

Quando i lung attacks si verificano nel paziente asmatico si associano a rapido declino dei valori spirometrici e sono fattore predittivo di morte per asma. Per prevenirli è importante conoscere quelli che sono i fattori che possono predire la perdita del controllo della malattia come il non presentarsi agli appuntamenti di routine, l’eccessivo uso di beta2agonisti a breve durata d’azione, il mancato uso dei cortisonici inalatori ma anche la concomitanza di un’infezione virale e l’esposizione ambientale agli allergeni in un soggetto sensibilizzato. Tuttavia, non è sempre possibile predire le riacutizzazioni in un paziente con asma perché i meccanismi fisiopatologici alla base della malattia, come sappiamo, possono essere molto diversi. Gli autori di questo editoriale citano infatti un articolo pubblicato sullo stesso numero dell’ERJ in cui bambini con asma severa presentavano a livello della mucosa bronchiale oltre alla nota infiammazione eosinofilica anche grandi quantità di mastociti (Lezmi G 2016). Questi nuovi dati contribuiscono a meglio descrivere il quadro infiammatorio alla base dell’asma severa in età pediatrica ma i mastociti da soli non possono essere markers sufficienti per predire i lung attacks. Idealmente dovremmo riuscire a scoprire dei biomarkers non invasivi che siano in grado di descrivere il rischio, l’inizio e la fine della riacutizzazione asmatica ma purtroppo questa ricerca è ancora in corso. Molto importante in caso di riacutizzazione è comunque rivalutare il quadro generale del paziente perché la riacutizzazione è chiaro segno di fallimento della terapia preventiva e merita un approfondimento adeguato per comprendere i motivi che l’hanno provocata.

Bibliografia:

Fleming L, Saglani S, Bush A. Asthma attacks: should we nail our colours to the mast (cell)? Eur Respir J. 2016 Nov;48(5):1261-1264 

Lezmi G, Galmiche-Rolland L, Rioux S, et al. Mast cells are associated with exacerbations and eosinophilia in 
children with severe asthma. Eur Respir J 2016; 48: 1320–1328

Articolo a cura di Valentina Fainardi