http://simri.it/
2018 31 LUG
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

Infezioni respiratorie e antibiotici

Le infezioni respiratorie acute (ARI) rimangono la categoria clinica per la quale vengono più comunemente prescritti gli antibiotici. Tuttavia, la maggior parte delle ARI sono causate da virus per i quali gli antibiotici non dovrebbero avere  alcun ruolo nel trattamento. L'uso inappropriato degli  antibiotici contribuisce alla diffusione di  organismi resistenti agli antibiotici.

Questo studio ha  arruolato  pazienti ambulatoriali di età pari o superiore a 6 mesi con ARI durante le stagioni dell'influenza 2013-2014 e 2014-2015. Hanno incluso 14987 pazienti. Tra questi, l'età media (DS) era di 32 (24) anni, 8638 (58%) erano donne. Il 6% dei pazienti era nella fascia di età compresa tra 0,5 e 2 anni, il 10% nella fascia di età tra 2 e 5 anni e il 22% nella fascia di età tra 5 e 18 anni.
Tra le 14987 visite dei pazienti analizzate, 6136 (41%) sono state associate a una prescrizione di antibiotici.
L'infezione da parte del virus influenza è stata confermata in  3381 pazienti (23%); tra questi  945 (29%) sono stati trattati con antibiotico, e rappresentano il 17% di tutti i pazienti sottoposti a trattamento con antibiotico  tra i pazienti con ARI in cui è stata esclusa una  polmonite. L'influenza confermata in laboratorio è stata rilevata in 72 su 375 pazienti (16%) con diagnosi di polmonite, 446 su 2065 pazienti (18%) con faringite, 129 su 1099 pazienti (11%) con OM suppurativa e 227 su 1486 pazienti (13 %) con sinusite.
Tra i 6136 pazienti che hanno ricevuto prescrizioni di antibiotici, 2522 (41%) presentavano diagnosi per le quali non sono indicati trattamenti con antibiotici, la percentuale di questi aumentava con l'aumentare dell'età.
In questo studio gli antibiotici siano stati prescritti in modo inappropriato nella maggioranza dei quasi 15.000 pazienti ambulatoriali che hanno presentato durante la stagione influenzale sintomi di ARI come la  tosse.

Reference:
JAMA Network Open. 2018;1(2):e180243. doi:10.1001/jamanetworkopen.2018.0243

Articolo a cura di Michele Ghezzi