http://simri.it/
2018 30 OTT
Tipologia di contenuto: per la famiglia
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Famiglia

FAQ: Domande & risposte. Bronchiolite. Parte I

Questo mese parliamo di… BRONCHIOLITE!

1. D: Cosa e' la bronchiolite?
R:  E’ una malattia virale che colpisce le vie aeree più piccole (i bronchioli) nei bambini sotto l’anno di vita e causa difficoltà respiratoria.

2. D: Quali bambini sono più a rischio di sviluppare la bronchiolite?
R: Tutti i bambini possono sviluppare la bronchiolite, tuttavia bambini che hanno patologie di base, come ad esempio le cardiopatie congenite, le malattie respiratorie croniche oppure malattie neuromuscolari, sono a maggiore rischio di forme gravi.

3. D: In che periodo dell'anno e'piu' probabile sviluppare la bronchiolite?
R: Il periodo di maggio rischio comprende i mesi autunnali ed invernali, mentre il maggior numero di casi si verificano a Dicembre e Gennaio.

4. D: Chi causa la bronchiolite e come si trasmette?
R: Si tratta di un’infezione virale; esistono tanti virus che possono causarla, ma il più freqeunte è il virus respiratorio sinciziale. Questi virus sono molto contagiosi; la trasmissione avviene sia per via aerea, che per contatto diretto con le secrezioni nasali.

5. D: Come posso prevenirla?
R: Purtroppo non esistono vaccini per prevenirla (sono ancora in sperimentazione quelli contro il virus respiratorio sinciziale). I bambini a rischio di sviluppare forme gravi possono beneficiare di una terapia con un anticorpo monoclonale contro il virus respiratorio sinciziale (palivizumab). La principale strategia preventiva si basa sulle norme igieniche, ovvero lavaggio frequente delle mani ed evitare contatto con secrezioni infette. Il sovraffollamento, gli inquinanti ambientali e il fumo di sigaretta possono aumentare la probabilità di contrarre l’infezione e si associano a forme piu’ gravi. Di conseguenza, soprattutto nei periodi in cui questi virus circolano è buona norma evitare che i bambini sotto l’anno di vita frequentino luoghi molto affollati, soprattutto se vi è la presenza di altri bambini con infezioni delle vie aeree superiori; inoltre è molto importante evitare l’esposizione a fumo passivo ed inquinamento negli ambienti chiusi.

Articolo a cura di Raffaella Nenna