http://simri.it/
2019 31 GEN
Tipologia di contenuto: per la famiglia
Registro comunicativo: divulgativo
Area di interesse: Famiglia

FAQ: Domande & risposte. Spirometria

Questo mese parliamo di… SPIROMETRIA!

1. D: Quando si dovrebbe fare una spirometria?
R:
 In caso di tosse molto frequente, comparsa di affanno durante l’attività fisica o il gioco, comparsa ricorrente di dolore al torace, ricorso frequente a farmaci per la cura di disturbi respiratori.

2. D: Da che età è possibile sottoporsi a una spirometria?
R:
 In genere dai 6 anni di età, in considerazione della collaborazione necessaria ai fini dell’esecuzione di un’inspirazione massimale ed una espirazione forzata; ma è possibile che anche bambini più piccoli siano in grado di effettuare correttamente una spirometria.

3. D: Esistono test simili che richiedano meno collaborazione per bambini più piccoli?
R:
 Sì, esistono alcuni test che, richiedendo una respirazione normale, possono essere effettuati sui bambini più piccoli o comunque meno collaboranti. Bisogna però informarsi prima sui Centri che ne sono provvisti.

4. D: Effettuata una volta la spirometria, è necessario ripeterla in seguito?
R:
 La spirometria è un importante indicatore della funzionalità respiratoria nel momento in cui viene eseguita. Spesso viene ripetuta per studiare l’andamento clinico di malattie respiratorie croniche come l’asma, valutando l’efficacia della terapia effettuata e la necessità di proseguire o meno il trattamento. Inoltre può essere utile ripeterla per diagnosticare l’asma in soggetti che presentano sintomi, ma le cui spirometrie precedenti non sono risultate utili per la conferma della diagnosi.

5. D: Che problemi possono verificarsi durante l’esame?
R:
Talvolta lo sforzo espiratorio può provocare affaticamento ed un lieve mal di testa oppure alcuni accessi ripetuti di tosse; in tal caso può essere utile far riposare il bambino alcuni minuti prima di un’eventuale ripetizione del test.

Link utili:

Articolo a cura di Paola Di Filippo