http://simri.it/
2019 31 GEN
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

Avviso ai naviganti

Chi va per mare sa bene che il suono di una sirena può portare in un porto sicuro, ma può anche trarre in inganno il marinaio attratto dal suono suadente delle mitiche creature che hanno tentato Ulisse nella sua navigazione di ritorno verso Itaca.
Saper riconoscere la sirena “giusta” può fare la differenza per chi naviga in assenza di punti di riferimento certo.

Saper riconoscere la sirena “giusta” può fare la differenza per chi naviga in assenza di punti di riferimento certo.
La bronchiolite rappresenta una condizione con poche certezze sul piano terapeutico e pertanto le sirene che di volta in volta fanno sentire il loro suono possono aiutarci ad arrivare tranquillamente in porto o causare un pericoloso naufragio. La terapia con ossigeno ad alti flussi è il segnale acustico che oggi sta maggiormente risuonando nel tentativo di mettere al sicuro il bambino con bronchiolite. La letteratura recente indica la rotta più opportuna da seguire per chi lavora in un reparto di degenza pediatrica ordinaria: utilizzare la ossigenoterapia con alti flussi nei bambini più gravi, probabilmente candidati a varcare la soglia della terapia intensiva, resistendo alla tentazione di un impiego generalizzato, non vantaggioso per il paziente e certamente più dispendioso in termini economici rispetto alla terapia standard.
In questa direzione suona forte il monito di Fernando Maria de Benedictis, 4° presidente della nostra Società, che dalle pagine di JAMA Pediatrics dedicate ai punti di vista esprime un’opinione molto chiara, basata sulle attuali evidenze della letteratura, relativamente all’impiego dell’ossigenoterapia nel trattamento della bronchiolite.
Il messaggio che ci arriva, tuttavia, assume un significato che va oltre i confini della patologia in oggetto. Deve ricordare a tutti i pediatri che soltanto un’attenta valutazione delle evidenze scientifiche può sostenere la validità delle scelte mediche, diagnostiche o terapeutiche che siano.
Uno dei compiti principali di una Società Scientifica consiste nel favorire decisioni assistenziali sostenute dall’evidenza. Questo concetto è stato espresso anche dal DM del 2 Agosto 2017 che identifica i criteri secondo i quali una Società Scientifica è o non è idonea a produrre documenti e linee guida nelle materie di competenza. La SIMRI è stata riconosciuta idonea a riguardo. Ora è compito di tutti noi far sì che all’interno della nostra Società si concretizzino iniziative che ne rafforzino il ruolo di guida scientifica rigorosa nell’ambito della patologia respiratoria. Questa è la direzione verso la quale si sta muovendo la programmazione del Direttivo della Società e che caratterizzerà le attività nel prossimo futuro.                                                                             

Bibliografia
de Benedictis FM. The Effectiveness of High-Flow Oxygen Therapy and the Fascinating Song of the Sirens. JAMA Pediatr. 2018 Dec 21. doi:10.1001/jamapediatrics.2018.3831. [Epub ahead of print]

Si ringrazia Geri Porta per la realizzazione della splendida vignetta che caratterizza la news. 

Articolo a cura di Giorgio Piacentini