http://simri.it/
2019 27 MAR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

Un nuovo semplice sistema di classificazione delle malformazioni polmonari congenite

Le malformazioni polmonari congenite seppure rare possono essere rilevate precocemente tramite l’ecografia prenatale. Il trattamento (conservativo e/o chirurgico) delle lesioni asintomatiche è spesso controverso.

Gli autori del lavoro propongono una semplice classificazione delle anomalie malformative polmonari basata su criteri clinici e radiologici, finalizzata a guidare le scelte diagnosticate e terapeutiche necessarie per la corretta gestione delle suddette anomalie.
Il sistema proposto è basato sulla diagnostica ecografica prenatale e sulle immagini radiologiche toraciche e identifica tre tipologie di malformazioni: tipo 1 – malformazioni polmonari solide/cistiche; tipo 2 – lobo iperlucente; tipo 3 – polmone di piccole dimensioni.     

Tipo 1 – tutte le lesioni appartenenti a questo gruppo sono associate ad anomalie del drenaggio arterioso e venoso e possono avere connessioni con l’intestino primitivo; l’ecografia polmonare è sufficiente per lo studio delle lesioni polmonari per le quali non è richiesto il trattamento chirurgico. Diversamente l’angio-TC polmonare permette una migliore definizione della vascolarizzazione qualora l’anomalia malformativa dovesse richiedere il trattamento chirurgico.

Tipo 2 – la TC del torace e la broncoscopia sono indagini necessarie per escludere la presenza di una ostruzione intrinseca oppure ab estrinseco.

Tipo 3 – le anomalie afferenti a questo gruppo condividono alcune peculiarità con le malformazioni appartenenti ai due gruppi precedenti. A differenza dell’agenesia polmonare o lobare che risultano secondarie ad un anomalo sviluppo dell’albero bronchiale, l’ipoplasia polmonare è spesso secondaria ad un disordine diffuso, pertanto associata ad anomalie malformative di altri apparati che devono essere indagate.  

Fonte: Seear M. et al. A review of congenital lung malformations with a simplified classification system for clinical and research use. Pediatr Surg Int (2017) 33:657–664

Articolo a cura di Federica Porcaro