http://simri.it/
2019 30 APR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico - Famiglia

L’impatto dell’intervento di adenotonsillectomia nel controllo dell’asma in pediatria

La gestione delle comorbilità è un aspetto fondamentale del controllo dell'asma. I disturbi respiratori nel sonno rappresentano una importante comorbidità da non sottovalutare.

L'asma è una delle malattie più comuni nella popolazione pediatrica e colpisce 6,1 milioni di bambini negli Stati Uniti. I disturbi respiratori nel sonno (SDB), analogamente, colpiscono l'1-3% dei bambini. La fisiopatologia di questi processi patologici è simile ad esempio l’infiammazione, i fattori anatomici o l'obesità possono contribuire ad entrambe. Lo scopo dello studio era di determinare gli esiti dell'asma nei bambini sottoposti ad adenotonsillectomia (A&T) per il trattamento dei disturbi respiratori nel sonno (SDB). 80 bambini con diagnosi di asma, 4-11 anni, sottoposti a A&T e 62 controlli abbinati ai soggetti A&T per età, sesso e classificazione di gravità dell'asma.

Materiali e metodi: genitori e bambini hanno completato il test di controllo dell'asma per l'infanzia (CACT) e il questionario del sonno pediatrico (PSQ). Sono stati interrogati i genitori per quanto riguarda il numero di riacutizzazioni asmatiche, la frequenza dell'uso di steroidi sistemici, il numero di visite al pronto soccorso e il numero di ospedalizzazioni nei 6 mesi precedenti. Gli stessi questionari e interviste sono stati completati 6 mesi dopo l'arruolamento.

Conclusione: il trattamento dei disturbi respiratori nel sonno migliora gli esiti dell'asma come misurato dal C-ACT.

Fonte:
Pediatr Pulmonol. 2019 Jan;54(1):20-26. doi: 10.1002/ppul.24207. Epub 2018 Nov 29.

Si ringrazia Gerri Porta per la realizzazione della splendida vignetta che caratterizza la news.

Articolo a cura di Alessandro Volpini