http://simri.it/

- Gruppi di Studio



Partecipa al gruppo di studio


Patologie delle alte vie aeree

Componenti il gruppo di studio
  • Anna Maria Zicari (Coordinatore e proponente del Gruppo di Studio)
    gds.coord.patalteresp@simri.it
  • Stefania Arasi
  • Ermanno Baldo
  • Giovanna De Castro
  • Daniele Giovanni Ghiglioni
  • Massimo Landi
  • Amelia Licari
  • Velia Malizia
  • Paola Giovanna Marchisio
  • Michele Miraglia Del Giudice
  • Francesca Occasi
  • Giovanni Battista Pajno
Descrizione

Per rinite intendiamo un’infiammazione della mucosa nasale che si manifesta clinicamente con sintomi molto comuni quali ostruzione nasale, rinorrea, prurito, starnutazione. Nella pratica clinica se ne distingue una forma allergica (Allergic Rhinitis, AR)  le cui manifestazioni sono causate da una reazione IgE-mediata, diagnosticata tramite la cutipositività agli Skin Prick Test (SPT) e/o l’aumento delle IgE specifiche a livello sierico (RAST/sIgE), ed una forma non allergica (Non Allergic Rhinitis, NAR) con sintomi sovrapponibili alla AR ma che  si caratterizza per il mancato riscontro degli indici sistemici di atopia, rappresentando in genere una diagnosi di esclusione con eziopatogenesi ancora controversa. Recenti studi condotti per lo più in soggetti adulti NAR, suggeriscono l’esistenza di un nuovo  fenotipo di rinite, la rinite allergica locale (Local Allergic Rhinitis, LAR) caratterizzato da: produzione di IgE specifiche, di un pattern infiammatorio Th2 di infiltrazione cellulare dopo esposizione ad allergeni e positività del test di provocazione nasale con allergene specifico (Nasal Allergen Provocation Test, NAPT). Queste evidenze sembrano suggerire che molti dei soggetti con precedente diagnosi di NAR potrebbero in realtà essere affetti da LAR. A tutt’oggi, la LAR è stata studiata prevalentemente negli adulti in cui sembra mostrare una prevalenza che varia dal 47% al 62% tra i soggetti precedentemente classificati come affetti da NAR, mentre in  età pediatrica potrebbe rappresentare una condizione clinica ipoteticamente presente ma sotto diagnosticata e sottostimata.
Nello studio proposto si intende valutare, su tutto il territorio nazionale, la qualità della vita in relazione alle alterazioni non fisiologiche delle  alte vie respiratorie;  e quale impatto possa avere sulla salute della popolazione in età evolutiva.