https://simri.it/
2020 19 MAG
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo:
Area di interesse: Medico - Famiglia

Impatto del clima e dell'inquinamento atmosferico sulle patologie allergiche in età pediatrica

Le patologie allergiche rappresentano uno dei maggiori problemi di salute a livello mondiale con importanti conseguenze negative in termini economici e di qualità della vita. È ormai noto che le condizioni climatiche e l'inquinamento possano influenzare la salute in età pediatrica. Conoscere nel dettaglio questi aspetti potrebbe aiutare nel formulare strategie di prevenzione e fermare il rapido incremento delle patologie allergiche a livello mondiale.

Un recente studio di Hu et al. ha analizzato gli accessi di pazienti con età inferiore ai 18 anni per dermatite atopica, rinite allergica e asma in due importanti ospedali pediatrici di Shangai dall'1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2017.  Gli autori hanno raccolto 2410392 casi (975771 casi asma, 646975 di rinite allergica e 787646 di dermatite atopica) e hanno confrontato i dati clinici con i dati metereologici (temperatura media giornaliera, sbalzo di temperatura, pressione atmosferica media, precipitazioni, umidità…) e sull'inquinamento atmosferico (livelli medi di O3, NO2, SO2, PM2.5, PM10). Questo studio ha evidenziato che sia il clima sia il livello di inquinamento atmosferico sono associati in modo significativo alle patologie allergiche in età pediatrica, ma le caratteristiche climatiche sembrano giocare un ruolo maggiore. In particolar modo i fattori climatici più implicati sembrerebbero essere la temperatura giornaliera media e la pressione atmosferica. Nessuno studio precedente aveva mai confrontato il diverso impatto che questi due fattori possono avere sulle malattie allergiche dei bambini.
Alla luce dell'incremento progressivo di patologie allergiche che stiamo osservando, anche in età pediatrica, con un impatto considerevole sia sulla qualità della vita di questi pazienti sia sulla spesa sanitaria, diventa cruciale adottare strategie di prevenzione; non è possibile agire sui fattori genetici che predispongono alle patologie allergiche, ma è possibile limitare l'impatto dei fattori ambientali.  Diventa importante condurre studi che analizzino, pertanto, l’impatto dei singoli fattori su queste patologie.

Fonte:
Hu Y, Xu Z, Jiang F, Li S, Liu S, Wu M, Yan C, Tan J, Yu G, Hu Y, Yin Y, Tong S. Relative impact of meteorological factors and air pollutants on childhood allergic diseases in Shanghai, China. Sci Total Environ. 2020 Mar 1;706:135975. doi: 10.1016/j.scitotenv.2019.135975. Epub 2019 Dec 9.

Articolo a cura di Mara Lelii