https://simri.it/
2021 29 GEN
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico

Infezioni delle vie respiratorie nei bambini con tracheostomia: polmoniti e over-treatment

I bambini con tracheostomia sono maggiormente a rischio di infezioni delle vie respiratorie. Si tratta di infezioni severe che richiedono generalmente ricovero ospedaliero e, nella maggior parte dei casi, viene riscontrata una polmonite. È spesso difficile identificare segni e sintomi specifici che indichino la natura batterica di queste infezioni e ciò rende difficile evitare un uso eccessivo di antibiotici.

I bambini con tracheostomia sono maggiormente a rischio di infezioni delle vie respiratorie, tuttavia il motivo non è ancora del tutto chiaro.
La cannula tracheostomica fornisce un portale aperto di ingresso per i batteri nelle vie aeree inferiori. Inoltre, può provocare irritazione della mucosa tracheale, aumentando ulteriormente il rischio di infezione. Per di più, spesso i bambini con tracheostomia presentano comorbidità quali anomalie delle vie aeree superiori, disturbi del SNC (paralisi cerebrale o malformazioni congenite), prematurità, anomalie cardiache e malattie neuromuscolari. La malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) e l'uso del ventilatore rappresentano dei fattori di rischio indipendenti per le infezioni tracheo-polmonari. Si tratta spesso di infezioni severe in pazienti complessi che richiedono generalmente ricovero ospedaliero e, nella maggior parte casi, viene riscontrata una polmonite.
È spesso difficile differenziare clinicamente una polmonite batterica da una polmonite non batterica e ciò può provocare spesso un over-treatment antibiotico. Tuttavia, nei pazienti in cui è stato effettuato l’esame colturale dell’espettorato, sono stati isolati prevalentemente batteri. Pseudomonas Aeruginosa è il più frequente, seguito da Staphylococcus Aureus meticillino-resistente (MRSA) e Serratia Marcescens. Klebsiella Pneumoniae è isolato nella maggior parte dei pazienti con GERD concomitante. Meno frequente è il riscontro di micobatteri non tubercolari (NTM) e funghi. È tuttavia noto che le infezioni NTM sono difficili da debellare nonostante il trattamento protratto nel tempo. In alcuni casi sono state identificate infezioni respiratorie virali e sono stati isolati, da tamponi e aspirati naso-faringei, il Virus Respiratorio Sinciziale, il Virus Parainfluezale, l’Adenovirus e il Citomegalovirus.
In conclusione, i pazienti sottoposti a tracheostomia a lungo termine sono soggetti a colonizzazione batterica che predispone a infezioni sintomatiche più frequenti. Ad oggi non sono disponibili linee guida univoche per la diagnosi e la gestione delle infezioni respiratorie nei bambini con tracheostomia. Inoltre, non esistono segni e sintomi specifici che indichino la natura batterica di queste infezioni e ciò rende difficile evitare un uso eccessivo di antibiotici. Tuttavia, sosteniamo la pratica di prescrivere antibiotici solo quando i pazienti sono sintomatici e quando è disponibile l'evidenza clinica di un'infezione batterica.

Bibliografia:
Respiratory tract infections in children with tracheostomy. Chiew-YinTana et al. Journal of Microbiology, Immunology and Infection, 2020 Apr;53(2):315-320. doi: 10.1016/j.jmii.2018.07.002.Epub 2018 Aug 9.

Articolo a cura di Martina Chiara Pascuzzi