http://simri.it/
2018 26 APR
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Medico - Famiglia

La tosse nel bambino con atresia dell’esofago con e senza fistola trachea-esofagea

I bambini affetti da atresia dell’esofago con e senza fistola tracheo-esofagea presentano sintomi respiratori ricorrenti spesso descritti come secondari all’alterata clearance muco-ciliare ad alla dismotilità esofagea che rende questa categoria di pazienti suscettibili ad episodi di reflusso-gastroesofageo.

Gli autori propongono un’analisi retrospettiva dei dati raccolti su 105 pazienti seguiti nell’ambito del follow-up multidisciplinare presso un singolo centro ospedaliero. Il 66% dei pazienti riferiva sintomi respiratori ricorrenti quali polmonite (33%), wheezing (31%), stridore inspiratorio (3%) e apnea (2%). Benché l’esordio della sintomatologia si attestasse in media nei primi due anni di vita (2.2 ± 2.5 anni), la valutazione pneumologica veniva richiesta ad una età media di 3.9 ± 4.2 anni soltanto a seguito dell’esclusione di problematiche digestive sottostanti il sintomo respiratorio.
In relazione alla severità e alla ricorrenza della sintomatologia descritta, 29 pazienti eseguivano la TAC del torace con Mdc che mostrava la presenza di aree atelettasiche (41%), diverticolo tracheale residuo (34%), bronchiectasie (31%), compressione tracheale ab estrinseco (21%) e tracheomalacia (17%). 53 venivano sottoposti a endoscopia delle vie aeree dalla quale emergeva la presenza di tracheomalacia nel 66% dei casi e di diverticolo tracheale residuo, ricorrenza della fistola tracheo-esofagea e paralisi delle corde vocali rispettivamente nel 26%, 19% e 11% dei pazienti.
Benché lo studio presenti dei limiti intrinseci quali l’analisi retrospettiva, l’eterogeneità della popolazione e la descrizione di dati provenienti da un singolo centro, esso sottolinea la necessità di non sottostimare la sintomatologia respiratoria in questa particolare categoria di pazienti. Un attento monitoraggio specialistico della sintomatologia e della funzionalità respiratoria potrebbe, infatti, migliorarne l’outcome polmonare a lungo termine.

Bibliogafia
F. Porcaro, L. Valfré, L. Rotondi Aufiero, L. Dall’Oglio, P. De Angelis, A. Villani, P. Bagolan, S. Bottero, R. Cutrera. Respiratory problems in children with esophageal atresia and tracheoesophageal fistula.Ital J Pediatr. 2017; 43(1): 77

Articolo a cura di Federica Porcaro