http://simri.it/
2015 24 GIU
Tipologia di contenuto: news
Registro comunicativo: professionale
Area di interesse: Famiglia - Medico

Bambini meno allergici senza lavastoviglie

L’atopia è una condizione di predisposizione allo sviluppo di risposte allergiche in risposta ad antigeni ambientali su base genetica. La conseguenza di queste complesse interazioni tra geni ed ambiente rendono ragione della notevole variabilità della prevalenza e delle caratteristiche individuali dell'atopia, molto diffusa soprattutto nelle aree geografiche ad alta industrializzazione.

Nelle due ultime decadi si è infatti assistito a un sorprendente aumento dell’incidenza e della gravità delle patologie allergiche nei paesi ad alto tenore socio-economico. Molti studi già dai primi anni '90 (von Mutius E et al.: Prevalence of asthma and allergic disorders among children in united Germany: a descripti-ve comparison. BMJ 305, 1395-9, 1992; Kalyoncu AF et al.: Serum IgE levels and allergic spectra in immigrants to Sweden. Allergy47, 277-80,1992.) mostravano una correlazione tra l’incidenza di atopia e lo “stile di vita occidentale”. Molteplici studi sono quindi stati rivolti a comprendere i fattori ambientali predisponenti la patologia allergica e quelli che invece sono protettivi.

I fattori che riducono il rischio di patologia atopica si rifanno all'ipotesi “igienistica” secondo cui fattori ambientali più tipici di società meno industrializzate si associano ad una ridotta incidenza di atopia.

In linea con quest'ultima teoria, è un recente studio svedese pubblicato su Pediatrics il 23 febbraio scorso, secondo cui lavare i piatti a mano invece che con la lavastoviglie riduce il rischio di sviluppo di allergie.

Lo studio è stato condotto soministrando questionari ai familiari di 1029 bambini con età compresa tra 7 ed 8 anni interrogandoli circa le pratiche igieniche utilizzate al'interno della propria casa.

I risultati dimostrano che le allergie sono maggiori nelle famiglie che utilizzano le lavastoviglie. Gli autori postulano che i batteri residui sulle stoviglie lavate a mano inducono tolleranza agli allergeni.

Viene stimata un'incidenza del 23% di eczema nei bambini che vivono in famiglie in cui le stoviglie si lavano a mano vs un 38% nelle famiglie che usano la lavastoviglie. L'1,7% dei bambini appartenenti al primo gruppo presenta asma, mentre quelli del secondo presentano asma nel 7,3% dei casi. Stess trend registrato per la rinite allergica: 10.3% versus 12.9%.

Riguardo a questo articolo è comparso un commento di Laurence E. Cheng dell'" University of California, San Francisco" secondo cui lo studio seppur interessante ha dei limiti e lascia alcuni quesiti aperti, rendendo quindi necessari ulteriori studi clinici transazionali e di base che possano spiegare il reale ruolo dei differenti stili igienici di vita e l'esposizione agli agenti microbici sulla modulazione dell'asma e la patologia atopica.

Fonte: Allergy in Children in Hand Versus Machine Dishwashing. Bill Hesselmar, Anna Hicke-Roberts and Göran Wennergren. originally published online February 23, 2015; Pediatrics

 

 

Articolo a cura di Valeria Caldarelli